Nov 2 2011

Senza parole


Oct 9 2009

Halloween. Again?

Quasi Halloween. Volevo scrivere qualcosa a proposito, ma mi sono ricordato di averlo gia’ fatto non molto tempo fa. Come? E’ gia’ passato un anno? E dov’è andato? Certo che il tempo passa veloce a volte… Abbiamo fatto anche uno splendido bimbo nel frattempo…
Vabbe, vorrà dire che questa volta mi limiterò a qualche stupida osservazione:
– Ma perché tutti si ostinano a infilare pumpkin ovunque? Da Starbucks oggi volevano propinarmi un “pumpkin frappuccino”. Bleah, solo il pensiero mi infastidisce. Jamba Juice, che vende similfrullati e altre schifezze passate per “Healty Food” propone il Pumpkin Frozen Yogurth. Ma perché invece qualcuno non mi fa un bel risotto con la zucca?
– Tutti quanti hanno decine, centinaia di zucche, piccole o grandi, in giro a scopo decorativo. Ma che succederà a tutte queste zucche fra un mese? Marcite e buttate, ovviamente. E tutti i bimbi affamati in Africa che ne pensano?


Oct 31 2008

Halloween

Odio Halloween. La trovo una ricorrenza snaturata del suo significato originale (come tutte le ricorrenze moderne…)

Sarebbe facile per me oggi parlare delle varie persone in costume che vedo in giro, come ad esempio il tipo vestito da morte con tanto di falce che prendeva il caffe da Starbucks oppure il mio manager che sta in questo momento alla sua scrivania a due metri da me vestito come Hiro Nakamura all’inizio della seconda stagione di Heroes, ma invece no.

All Hallows’ Even inteso come la vigilia del giorno di tutti i santi e’ il nome originale. Le origini risalgono a quando i Celti festeggiavano la fine dell’estate (Samhain, il capodanno celtico, letteralmente fine dell’estate in gaelico), o meglio la fine della stagione dei raccolti. Il 31 ottobre era la data nella quale, secondo gli antichi popoli, il confine fra vivi e morti si assottigliava e i morti potevano diventate pericolosi per i vivi perche’ portavano con loro malattie e carestie. Costumi e maschere venivano indossati per cercare di imitare gli spiriti cattivi, spaventandoli, per tenerli a distanza. La lanterna fatta con la zucca, tanto popolare negli Stati Uniti (jack-o’-lantern) e’, anch’essa, di origini europee. I popoli antichi credevano che la testa fosse la parte piu’ potente del corpo, contenente lo spirito e la conoscenza. La lanterna nasce dall’idea che i defunti vaghino per la terra con un fuoco in mano cercando di portar con loro i vivi. La zucca illuminata riproduce una faccia che fa paura, con un fuoco dentro e serve a spaventare questi morti vaganti.

Buuuuuu!