Oct 21 2011

Americano medio

(via Failbook)

 

 

 

 

 


Apr 27 2009

Facebook for dummies

Ebbene si… Non ci volevo credere ma c’e’ anche quello nella celebre collana gialla.

L’altro giorno ero in coda per il mio caffe’ quando non ho potuto non notare il libro che il tipo davanti a me aveva per le mani:

 

Facebook for dummies

Facebook for dummies

 

Ingrandimento per crederci davvero:

ForDummies2

Ma bisogna essere davvero tanto dummies per comprare un libro cosi’ in Silicon Valley!


Dec 11 2008

Il giro di boa

Cosi’ almeno viene definito, non so se a ragione o no, visto che il giro di boa ai 40 presuppone l’arrivo al traguardo agli 80, e io ho intenzione di remare anche oltre quel traguardo…

Comunque, definizione giusta o no, oggi ho fatto la manovra ed ho girato attorno a quella boa. Dovrei sentirmi piu’ grande? Piu’ maturo? Non lo so, non penso si debba attribuire ad un numero, ad un identita’ anagrafica, maturita’, sicurezze, crescita o conoscenza. La vita e’ sempre la stessa, procede lungo i propri binari ed io ci rotolo sopra, fermandomi ai semafori rossi e godendo di quelli verdi.

Ho sempre reputato il mio compleanno la ricorrenza piu’ importante durante l’anno, e, per lungo tempo, mi sono sempre abbacchiato nel vedere la giornata dell’11 dicembre passare ricevendo auguri da poche, pochissime persone. Abbacchiatura che e’ sempre passata presto, perche’ sono convinto che non sia il numero delle persone che ti fanno gli auguri la cosa importante, ma le poche persone che te li fanno con il cuore, con il vero piacere di sentirti per dirti che nonostante un altro anno sia passato, loro ci sono ancora e sanno che tu ci sei.

Quest’anno e’ andata un po’ diversamente, perche’ la tecnologia e i social network sono diventati a portata di tutti, facilitando il compito delle persone. Facebook ti ricorda che oggi e’ il compleanno di questo e quello e basta un lazy click per mandare degli auguri. E infatti ne ho ricevuti a bizzeffe. Solo una volta pero’ il telefono e’ suonato oggi, e dall’altra parte del filo l’unica persona (parenti stretti esclusi) che so avermi fatto gli auguri solo per dirmi “io ci sono”. A questa persona, che probabilmente nemmeno mai leggera’ queste mie parole, ma non e’ importante, il mio piu’ grande grazie.

E grazie ovviamente anche a tutti gli altri, facebook o no, che hanno dedicato del loro tempo per mandarmi degli auguri. Come dicevo, per me questa giornata significa qualcosa, durante questo 2008 significa ancora di piu’, quindi grazie a tutti per esservi ricordati di me in qualche modo, per avermi tenuto nei vostri pensieri almeno per quei venti secondi fra un click e l’altro.

E via, semaforo verde, rotolo felice sui binari della mia vita aspettando con impazienza la prossima stazione importante dove fermarmi per meditare.

Il neo-quarantenne Markino