Dec 31 2008

Auguri? Ma si…

Rapidi e generici auguri di buon anno nuovo ai miei 2 lettori, piu’ quelli che si affacciano su Facebook. Buon tutto.


Dec 29 2008

L’auto che frena da sola

Mi e’ scappato l’occhio su un titolo visto sul giornale oggi: “Volvo, ecco l’auto del futuro, un condensato di tecnologia”. Vado subito a vedere cos’e’ questo ‘condensato di tecnologia’ e scopro che la nuova Volvo, presentata in questi giorni, “Se il radar e i sensori carpiscono la possibilità di un incidente, anche senza impulso del guidatore, l’auto frena da sola”. 

Novita’ pazzesca: la mia Infiniti lo fa gia’ da un pezzo, e pure bene…


Dec 22 2008

Com’e’ che c’e’ la crisi ma sono tutti alle Maldive?

Leggo sul Corriere di oggi:

«È FINITA L’ERA DELLE VACANZE DELL’EFFIMERO»
«Crisi? Gli italiani riempiono i voli per Maldive e Caraibi»
Solo il 3% parte chiedendo un prestito.

Ma non c’era la crisi?

A volte fatico a capire…


Dec 20 2008

Natale?

Negli USA ci sono seguaci di tante religioni, e quando dico tante, intendo proprio tante, da quelle piu’ ovvie e conosciute nel mondo a cose da “mercatino rionale”.

Ovviamente, ogni religione ha le proprie festivita’ e ricorrenze, tante di esse capita che siano le stesse, chiamate con nomi diversi, ma tante sono a se stanti.

Probabilmente, se marcassimo un calendario con le ricorrenze di tutte le religioni che si possono trovare in giro, scopriremmo che il 75% dei giorni dell’anno si dovrebbe stare a casa dal lavoro, a commemorare questa o quella festivita’.

Questo e’ uno dei motivi per il quale, negli Stati Uniti, i dipendenti delle varie societa’ non hanno giorni di festa religiosa predefiniti, ma, solitamente, hanno tre giorni di “vacanze religliose” che possono allocare a loro piacimento durante l’anno, a seconda della religione rispettata.

Il secondo, non meno importante, motivo, e’ per evitare discriminazioni: se l’azienda chiude a Pasqua, che dicono, per fare un esempio, i dipendenti musulmani? 

Tutto secondo la grande logica di, almeno apparente, democrazia statunitense (si, lo so, su questo punto ci si potrebbe scrivere una biblioteca intera…).

Ma allora perche’ da inizio novembre a fine dicembre tutte le vetrine della maggior parte dei negozi appare cosi’:

Vetrina natalizia

Vetrina natalizia(per la cronaca: questa e' una FARMACIA!)(ok, urge un post sulle farmacie americane...)

E perche’ tutte le aziende chiudono a Natale? E perche’ tutti i supermercati, normalmente aperti 24 ore su 24, sette giorni su sette, chiudono a Natale? Non e’ forse discriminazione, la stessa che si voleva evitare con i giorni di vacanza “floating”?

Boh…


Dec 11 2008

Il giro di boa

Cosi’ almeno viene definito, non so se a ragione o no, visto che il giro di boa ai 40 presuppone l’arrivo al traguardo agli 80, e io ho intenzione di remare anche oltre quel traguardo…

Comunque, definizione giusta o no, oggi ho fatto la manovra ed ho girato attorno a quella boa. Dovrei sentirmi piu’ grande? Piu’ maturo? Non lo so, non penso si debba attribuire ad un numero, ad un identita’ anagrafica, maturita’, sicurezze, crescita o conoscenza. La vita e’ sempre la stessa, procede lungo i propri binari ed io ci rotolo sopra, fermandomi ai semafori rossi e godendo di quelli verdi.

Ho sempre reputato il mio compleanno la ricorrenza piu’ importante durante l’anno, e, per lungo tempo, mi sono sempre abbacchiato nel vedere la giornata dell’11 dicembre passare ricevendo auguri da poche, pochissime persone. Abbacchiatura che e’ sempre passata presto, perche’ sono convinto che non sia il numero delle persone che ti fanno gli auguri la cosa importante, ma le poche persone che te li fanno con il cuore, con il vero piacere di sentirti per dirti che nonostante un altro anno sia passato, loro ci sono ancora e sanno che tu ci sei.

Quest’anno e’ andata un po’ diversamente, perche’ la tecnologia e i social network sono diventati a portata di tutti, facilitando il compito delle persone. Facebook ti ricorda che oggi e’ il compleanno di questo e quello e basta un lazy click per mandare degli auguri. E infatti ne ho ricevuti a bizzeffe. Solo una volta pero’ il telefono e’ suonato oggi, e dall’altra parte del filo l’unica persona (parenti stretti esclusi) che so avermi fatto gli auguri solo per dirmi “io ci sono”. A questa persona, che probabilmente nemmeno mai leggera’ queste mie parole, ma non e’ importante, il mio piu’ grande grazie.

E grazie ovviamente anche a tutti gli altri, facebook o no, che hanno dedicato del loro tempo per mandarmi degli auguri. Come dicevo, per me questa giornata significa qualcosa, durante questo 2008 significa ancora di piu’, quindi grazie a tutti per esservi ricordati di me in qualche modo, per avermi tenuto nei vostri pensieri almeno per quei venti secondi fra un click e l’altro.

E via, semaforo verde, rotolo felice sui binari della mia vita aspettando con impazienza la prossima stazione importante dove fermarmi per meditare.

Il neo-quarantenne Markino


Dec 3 2008

Tecnologia che avanza

O la tecnologia, negli ultimi tempi, avanza esageratamente veloce, oppure io ho talmente tante cose da fare che non mi rendo conto di cosa accade, sempre tecnologicamente parlando, attorno a me.
Oggi avevo un paio d’ore da buttare e, per passare il tempo, ho pensato di infilarmi in un “Best Buy”, una delle catene più note di elettronica di consumo. Girando per il negozio, mi sono soffermato a guardare diverse cose, alcune delle quali per me “inusuali”.
Ho scoperto un sacco di cose assurde che non sapevo, ma neppure immaginavo, ad esempio camcorder che, dopo aver ripreso quello che più ti piace, si collega alla wi-fi di casa e fa da sola l’upload su YouTube.
Oppure l’hard disk di rete (un NAS, fino a qui niente di nuovo) che si collega da solo e scarica cose via BitTorrent (!).
Mah…